16 December 2017
W3vina.COM Free Wordpress Themes Joomla Templates Best Wordpress Themes Premium Wordpress Themes Top Best Wordpress Themes 2012

La piadina de La Casina del Bosco (Rimini)

Posted on 30 settembre 2013 by in Emilia Romagna, La sagra del carboidrato, Regali Eventi, Rimini

IMG_20130929_114549

La scena è ambientata al bagno 26, Rimini.
L’occasione è la BlogFest 2013.
I protagonisti sono la qui presente – conosciuta anche come “Sterminatrice di piadine” – la fida Cristina e Chef Rubio.

Sì, ho scritto “Chef Rubio“.
Eh, alla BlogFest c’era pure lui.
Lo so, il karma mi vuole bene.

Comunque.
Io e Cristina ci avviciniamo per una foto e, in uno slancio, gli confido: “Io c’ho un approccio al cibo come te“.
E lui: “Viscerale“.
E io: “Esatto. E la mia amica Cristina lo può confermare“.
E lui: “Vai sempre a svuotarle il frigo“.
Insomma, sei secondi e ci siamo capiti. Perfetto.

Tutto questo preambolo per dire che anche alla BlogFest ho mangiato un pochetto al grido di “Del doman non v’é certezza“, e che almeno per un mese non voglio più vedere delle piadine.

Sabato sera sono stata a La Casina del Bosco, una delle piadinerie più frequentate di Rimini – c’era una fila incredibile, il trovar posto al volo è stato solo merito del karma sopracitato – e ho assaggiato probabilmente la piada più strana del menù: prosciutto crudo, parmigiano a scaglie e marmellata di fichi.

Non so bene per quale motivo ma in questo weekend romagnolo mi é presa l’ossessione per i fichi, gustati in qualsiasi modo e preparazione.
Con la piadina erano una vera soddisfazione: la contrapposizione tra salato e dolce è uno dei leitmotiv delle mie preferenze gastronomiche degli ultimi mesi, e ho molto apprezzato come il prosciutto crudo venisse stemperato dalla confettura, che già si sposava in modo incantevole col formaggio. Come i miei commensali hanno fatto notare, si tratta di una piadina complessa che può stancare dopo i primi morsi ma, se siete come me (avete capito cosa intendo), giungerete fino alla fine senza particolar patema.
La piadina riminese, inoltre, è sottile e croccante: più si va verso il sud della Romagna e più lo diventa, fino a versioni sfogliate come la crescia urbinate. Io la preferisco così, ma nel weekend ci sono stati dibattiti assai accesi.

Unica controindicazione: per le successive tre ore avrete una sete che vorreste prosciugare una fonte intera, ma sono certa che non vi spaventerà.

E ora mi chiedo: perché non propormi come una nuova chef RubiA e andare in giro ad assaggiare cibi locali?
… Ah già: perché non so cucinare.
Dimenticavo.

Dove
La Casina del Bosco
Viale Antonio Beccadelli 15
Rimini
Tel. 0541 56295