4 December 2016
W3vina.COM Free Wordpress Themes Joomla Templates Best Wordpress Themes Premium Wordpress Themes Top Best Wordpress Themes 2012

L’aringa con puré e lingonberry di Bjork (Milano)

Posted on 28 novembre 2014 by in Etnicità diffusa, Lombardia, Milano, Secondi Piatti

bork

E’ stata la nostalgia per i mari del Nord a condurmi da Bjork, ristorante scandinavo a Milano: oltre a essere il teatro di una cena con amiche dominata dal chiacchiericcio ero curiosa di sperimentarne la cucina e rigustare specialità sentite mesi fa in quel di Stoccolma e Copenhagen.
Sebbene si presenti come svedese è innegabile la presenza di piatti d’origine più danese, come gli smorrebrod, che consentono al menù di variare e accontentare molte più preferenze.

Appena entrati ci si trova nell’area bistrot caratterizzata da una costruzione ordinata di tavolini e sedie; al centro, il banco-frigo con esposti perfette tartine e gastronomie da gustare in tranquillità con una buona birra.
E’ in fondo che si trova la nuova parte ristorante, con una cucina a vista centrale attorno a cui si snodano i banconi e i relativi sgabelli. Perfetto per le cene in due o tre, forse più scomodo se siete di più (in questo caso chiedete di riservare un tavolo).

Ci viene servito pane e burro salato accompagnato da una piccola spatola di legno, un tipico modo per passar l’attesa, e studiamo le proposte.
Sebbene le zuppe fossero molto golose e invernali non ho saputo cedere al fascino dell’aringa che, si sa, è un cavallo di battaglia della Svezia. Viene accompagnata da puré di patate e un adorabile vasetto di mirtilli rossi, presentata con pochi orpelli e molta eleganza: il trancio di pesce spiccava sul piatto bianco in tutta la sua perfetta cottura, con una delicata crosticina esterna e una lieve spolverata di foglioline.

Che sia un pesce pieno di spine è cosa risaputa quindi non stupitevi se vi troverete ad armeggiare parecchio con coltello e forchetta – se non siete combattivi scegliete il salmone. Provo il primo boccone intingendolo nei mirtilli e mi trovo ad apprezzare un delicato ma equilibrato contrasto tra dolce e salato, frutta e pesce, raro da trovare a tavola.

Mi sono immaginata i nostri amici reali di Svezia intenti a mangiare aringa a colazione, pranzo e cena, e commentare con approvazione questo piatto: la cottura era perfetta, così come la sapidità; il puré di patate risultava omogeneo e vellutato, accompagnamento fedele e non eccessivo del protagonista.

Guardandosi attorno pareva di trovarsi in un posto lontano, con un’atmosfera tranquilla e arredamento minimal e, perciò, scelto con estrema cura. Solo le cortesi spiegazioni del personale – e un sano schnapps finale – hanno riportato alla realtà.
Secondo me dopo vorrete andare all’IKEA e comprare un paio di Billy, sentendovi ormai integrati nella loro cultura. Non sarebbe riprovevole.

DOVE
Bjork Swedish Brasserie
Via Panfilo Castaldi
Milano

Tags: , , ,

Leave a Reply

Please fill the required box or you can’t comment at all. Please use kind words. Your e-mail address will not be published.

Gravatar is supported.

You can use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>