Il brasato dell’Osteria dell’Arco (Alba)

IMG_3577

I giorni si accorciano, le foglie ingialliscono, l’aria si raffredda e tutto ciò che sogniamo è rassumibile in 4 C: calduccio, copertina, comfort e cibo. Riguardo a quest’ultimo punto, l’Autunno porta con sé una sequela entusiasmante di frutta, verdura, specialità e sagre che ogni amante del genere attende con ansia: castagne, zucche, e i tartufi che richiamano pellegrini da tutto il mondo?

Ecco, capitasse mai – ma proprio per caso – che capitaste ad Alba c’ho io un posticino perfetto per gustare la cucina piemontese tutto l’anno e in ogni occasione – anche se credo che da Settembre in poi sia più adatta: l’Osteria dell’Arco.

Qui, passando da una carne cruda battuta al coltello a un peperone di Carmagnola ripieno di tonno e capperi (entrambi da perder la testa), son approdata a uno dei brasati più buoni di sempre, uno di quei piatti che ha saputo restituirmi fiducia della cucina italiana (che si era un po’ andata a perdere dopo molte esperienze deludenti).

Il brasato, accompagnato da patate al forno e dalla sua abbondante salsa, trasudava il vino in cui era stato immerso e cotto a lungo, lunghissimo, con la pazienza che solo le tradizioni sanno rispettare. Speziato, profumato, irrorato per farlo rimanere tenero, mi ha provocato lacrime dal primo assaggio (ci sono i testimoni) perché da lungo cercavo un sapore forte, deciso e ricco di dettagli.
Ho parcellizzato le abbondanti fette alternandole alle croccanti patatine e sapide verdure, cercando di mantenere un contegno e felicissima.

Per non parlare della sublime panna cotta con pesche e caramello, degna conclusione di un pranzo pieno di soddisfazione.

Dai, che sta pure arrivando la stagione perfetta! Dopo tutto quello che vi ho raccontato come potete dire di no alle Langhe?

Dove
Osteria dell’Arco
Piazza Savona 5
Alba
Tel. 0173 363974

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *