Alla riscoperta dell’aperitivo con Campari

foto 1 (1)

Io lo dico: l’aperitivo inteso come “il momento in cui bere qualcosa di media qualità e riempire sedici piattini di pizzette e pasta freddaha veramente stancato.
Lo concedo solo agli studenti squattrinati (dato che lo sono stata) e a chi non ha alcuna intenzione di arrivare alla cena (anche se “apericena” è uno dei termini più orribili che un goloso possa sentire).

Lunghi buffet imbanditi di nachos e olive all’ascolana, spostatevi per far largo agli Aperitivi con la A maiuscola, il cui scopo è stimolare l’appetito e preparare al vero pasto.
Lasciamo perdere anche i beveroni annacquati e riscopriamo drink equilibrati, sopraffini e studiati.

Campari è scesa in campo in loro difesa: fino alla fine di Dicembre porterà l’aperitivo direttamente alle tavole di 12 ottimi ristoranti milanesi restaurando la sua vera funzione di Welcome Drink, proporzionato e ideato per lo scopo.
Il benvenuto va dato anche alle fauci, che quindi si possono avvalere di Amuse Bouche combinati ad arte.

Sono stata invitata a provare le proposte di Turbigo, ristorante che si affaccia sul Naviglio Grande con un’aria da casa di design, accogliente e perfetta per le chiacchiere.

IMG_4914

Il menù ha previsto un risotto carciofi e menta, deliziosi filetti di orata cotta al vapore usando acqua di mare e accompagnati da patate e erbette, e una sorprendente panna cotta al the nero (che riproduceva il british tea delle 5 o’clock), ma proprio il piattino di benvenuto ha aperto la cena in modo memorabile.

foto 2 (1)

I bon bon di calamari al nero di seppia e limone abbinati a una spuma di ricotta di bufala hanno attirato subito la mia curiosità per il loro aspetto originale, simile ai dolci truffle.
Croccanti in superficie, rivelavano una consistenza cedevole e un sapore intenso, reso ancor più tondo dalla dolcezza della ricotta.
Li ho divorati con grande compiacimento e stupore, riconoscendogli il ruolo di apripista.
In abbinamento, un bicchierino di B.Toro, cocktail con Punt e Mes Carpano, Campari e un tocco di Centerbe, che sa far scivolare via una giornata intensa e preparare al meglio.

Ridiamo a Milano, capitale italiana dell’aperitivo (ape per gli amici più o meno regali), ciò che le spetta.
Meno happy hours del devasto, più sorsi di qualità.
Meno “place to be“, più “drink e relax“.
Meno “aperitivo analcolico alla frutta“, molto più “riscoperta della bevanda ricercata“.

Di sicuro quella del Turbigo è stata una cena squisita e, come avrete capito, la loro combinazione di entrata mi è molto piaciuta ma se volete conoscere tutti gli altri ristoranti coinvolti nella rivalutazione del vero aperitivo consultate WelcomeDrink.

Ah, per vostra informazione: i bon bon di Turbigo torneranno anche in carta. Qui si gioisce molto. Ancor più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *