I pancake con bacon, sciroppo d’acero e burro (New York)

Perché io so che a Natale avrete mangiato alcuni di codesti piatti:
– tortellini;
– lasagne;
– zampone;
– cotechino;
– faraona arrosto;
– puré;
– lenticchie stufate;
– verdurine in pinzimonio;
– pandoro;
– panettone.

Dopo aver precisato che codesto altro non è che il classico menù natalizio cucinato da mia nonna (a cui io faccio onore), vorrei confidarvi qual è stata la mia colazione in quel di Washington, primo approccio al cibo americano del mio viaggio.

Insomma, com’è giusto che sia a Natale moltissimi esercizi commerciali rimangono chiusi, e infatti nella città americana è stato arduo trovare un posto in cui rifocillarsi (oltretutto dopo essersi svegliati assai affamati a causa del lungo viaggio).

Per fortuna questo Johnny Rockets a Union station ci ha salvati e donato molta, molta gioia Made in USA.

In un ambiente molto anni ’60, con poltrone rosse, insegne luminose in stile e un lungo bancone argentato dietro al quale si muovevano rapidi alcuni cuochi, un gioviale signore ci ha accolti con entusiasmo, e noi l’abbiamo ancor più reso contento quando gli abbiamo ordinato ben cinque porzioni di pancake con bacon, burro e sciroppo d’acero, insieme a bicchieroni di succo d’arancia e bacili di caffè americano. Colazione all’americana, insomma, straordinariamente energetica, gustosa e goduriosa.

E prima che lo chiediate voi: sì, il bacon croccantissimo posato sopra ai tre enormi pancake non è stata una nostra iniziativa, il piatto era così composto all’origine. Very USA, proprio.

Quando il vassoio (perché parlare di “piatto” è difficile) è giunto al mio cospetto sono stata inebriata dal profumo di questi pancake appena fatti, su cui erano state posate le fette di bacon saporito, da sgranocchiare come piace a me. A lato, confezioni di burro e di sciroppo d’acero (piccola parentesi: io quest’ultimo lo adoro anche per condire l’insalata tenera, a cui magari aggiungere dei semi di girasole, noci e pere. Questa sarà probabilmente l’unica “ricetta” che mai scriverò, quindi consideratelo un momento storico).

Afferrati coltello e forchetta, mi son messa a sperimentare le varie combinazioni:
– pancake semplici;
– pancake con sciroppo d’acero;
– pancake con burro;
– pancake con bacon (oh yes!);
– pancake burro e bacon;
– pancake burro e sciroppo d’acero;
– pancake sciroppo d’acero e bacon;
e ovviamente
– pancake burro, sciroppo d’acero e bacon!

La leggerezza totale, insomma, ma non sapete quanto ci è piaciuto. Non saprei dirvi qual è stata la mia combinazione preferita.
I pancake erano soffici ma non gommosi, alti il giusto, e assorbivano lo sciroppo d’acero e il burro all’istante.
Sulla pancetta mi sono espressa a sufficienza, direi.
Il tutto accompagnato dal succo e dal caffè è stato, in una parola, rigenerante.

Abbiamo in seguito scoperto che Johnny Rockets altro non è che una sorta di catena, con qualche altro punto sparso per l’America, ma per noi rimarrà sempre “Il posto della colazione natalizia“.
E sia chiaro che dopo un inizio simile, al pranzo manco ci abbiamo pensato.

Dove
Johnny Rockets
Union Station (Lower lever)
Washington

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *