Le tagliatelle della Trattoria Meloncello (Bologna)

Lo so che state rantolando sotto i colpi di tortellini, cotechini, zamponi, passatelli, arrosti, controarrosti, intingoli, salse, dolci, sorbetti, e che non esiste un ammazzacaffè abbastanza potente da ridestarvi dal torpore in cui il Natale vi ha fatto crollare, ma animo! Suvvia, sveglia, che Capodanno sta arrivando e mica vorrete stare a dieta, no? Io c’ho dei progetti a dir poco bellicosi per il 31 Dicembre, ma magari ne parlerò a tempo debito.

A una decina di giorni di distanza dall’ultimo post posso affermare di essere più viva che mai, rinfrancata da una full immersion nella bolognesità e pronta a darvi un consiglio proprio sulla mia città natia.

Mentre Venerdì 21 fuggivo da Milano in auto con Fabio è sorta la domanda “Dove andiamo a cena a Bologna?“, resami conto che molti dei miei soliti ristoranti erano pieni mi si è accesa una lampadina proprio sopra la testa e ho trovato la soluzione: la Trattoria Meloncello.
Perfetta perchè non troppo in centro, con parcheggio facile, cucina tradizionale bolognese e ai piedi della salita che conduce al Santuario di San Luca, meta cara a tutti gli indigeni.

Ci si trova in quella che è una classica trattoria emiliana, tranquilla e dagli arredamenti di legno scuro, con un menù descritto a voce. Alle pareti sono appesi numerosi quadri con autografi di cantanti, attori, comici passati da lì, tra cui un ovvio Cesare Cremonini, a testimonianza della stima e dell’affetto riposto in questo ristorante storico.
Tra i primi si evidenziano passatelli, tortellini, gramigna con il sugo di salsiccia, e visto che era un po’ di tempo che non ci andavo ho ordinato uno dei loro cavalli di battaglia per rispolverare i bei ricordi: le tagliatelle al ragù.

Non ci potrebbe mai esser un bentornato migliore per una bolognese fuorisede: la pasta era evidentemente tirata a mano, con parti leggermente più spesse e una ruvidità che i prodotti in commercio non hanno, perfetta per trattenere un ragù saporito ed equilibrato, rustico come deve essere, a sua volta preparato in casa. La porzione era giusta e ha necessitato un secondo piatto (polpette!) per raggiungere la sazietà, ma i sensi ne erano molto appagati.
Spesso molte persone mi domandano dove mangiare la vera cucina locale, e io consiglio di rivolgersi qui (sempre che non cerchino qualcosa in centro).

Ci si sente in un ambiente famigliare, alla Trattoria Meloncello, e ho come l’impressione che sia cos’ dal 1918, anno d’apertura. Spero rimanga tale ancora per un bel po’.
E se siete coraggiosi, dopo aver pasteggiato inerpicatevi su per il portico della salita di San Luca: percorrerlo tutto è una piccola impresa, ma da lassù la vista è incantevole.

Qualche utile nota a margine:
1) la posizione. Comodissima in certe giornate, ma fate attenzione al calendario calcistico: essendo proprio attaccata allo stadio Dall’Ara rischiate di trovarvi nel mezzo del delirio del campionato o simili;
2) il prezzo. E’ un po’ alto, considerato tutto, ma la qualità del “fatto in casa” si fa sentire.

Dove
Trattoria Meloncello
Via Saragozza 240
Bologna
Tel. 051 6143947

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *